Risonanza Magnetica (RM)

Per concordare un appuntamento compilare il form o contattare la sede indicata

Descrizione

La risonanza magnetica (RM) è una tecnica di imaging usata a scopi diagnostici in campo medico. La risonanza magnetica non è un esame dannosso nei confronti del paziente perchè non sottoposto a radiazioni ioizzanti, in quanto tale esame usufruisce di un campo magnetico statico.

L’intensità del campo magnetico varia in base ai decimi di Tesla e può variare dalle piccole macchine di risonanza dedicate allo studio delle articolazioni (Artoscan), fino ad arrivare a macchine di 3 Tesla.

Le informazioni estrapolate dalle immagini della risonanza magnetica (RM) sono di natura diversa rispetto a quelle date da altri esami di radiologia diagnostica. Di fatti, è possibile la differenziazione tra tessuti sulla base della diversa composizione biochimca. Inoltre, è possibile suddividere la parte anatomica studiata su tre piani differenti tra loro:

  • Assiale (visione dall’alto verso il basso o viceversa)
  • Sagittale (visione da destra a sinistra o viceversa)
  • Coronale (visione anteroposteriore o viceversa).

 

Tale suddivisione, tuttavia, non conferisce la tridimensionalità dell’immagine.

RISONANZA MAGNETICA SENZA MEZZO DI CONTRASTO

Al fine di ottenere una corretta esecuzione dell’esame e per garantire l’incoluminità del paziente, quest’ultimo non dovrà indossare oggetti metallici quali; orologi, bracciali, anelli, orecchini, collane ecc.

Inoltre, è necessario accertarsi che il paziente sottoposto ad un esame di risonanza magnetica in passato non abbia subito incidenti, i quali, potrebbero aver causato l’alloggiamento di schegge metalliche nei tessuti corporei.

Oltre a questo, bisogna escludere che il paziente sia stato sottoposto ad interventi chirurgici, per i quali, sono stati inseriti impianti di materiale ferromagnetico.

Per quanto riguarda protesi, clip vascolari, stant, stimolatori cardiaci e/o altri apparati medico chirurgici, in alcuni casi, si verificherà l’impossibilità dell’esecuzione dell’esame.

Occorre pertanto, conoscere il materiale utilizzato nelle precendenti operazioni chirurgiche e fino a che intensità del campo magnetico si possa considerare RM free.

 

RISONANZA MAGNETICA CON MEZZO DI CONTRASTO 

Il mezzo di contrasto è una particolare sostanza paramagnetica (chelati del Gadolinio). L’utilizzo di questo particolare mezzo di contrasto permette un’analisi accurata di eventuali patologie neoplastiche e infiammatorie.

Inoltre il mezzo di contrasto viene somministrato al paziente tramite iniezione endovena durante l’esame di risonanza magnetica.

Quindi il paziente che dovrà sottoporsi a tale esame, con la successive somminisrazione del mezzo di contrasto, dovrà eseguire una determinate preparazione.

In sostanza la preparazione consiste nel presentarsi il giorno dell’esame a digiuno da almeno sei ore e portando in visione il risultato del dosaggio della creatininemia (eseguita massimo nei 30 giorni precedenti alla data di esecuzione dell’esame).

In caso, di paziente con allergie note al mezzo di contrasto o allergie a farmaci sarà cura del medico curante o dello specialista di riferimento, considerare l’eventualità di eseguire indagini diagnostiche alternative.

ANGIO RISONANZA MAGNETICA

L’angio risonanza magnetica viene utilizzata per l’ottenimento di immagini dei vasi sanguigni, per la valutazione di eventuali stenosi, anomali restringimenti, occlusioni, aneurismi e altre dilatazioni della parete vascolare, comprendendo malformazioni arterovenose e/o altre anomalie.

Pertanto tale esame è spesso usato per lo studio di parti anatomiche, quali; collo, cervello, aorta toracica e addominale e arterie renali.

TIPOLOGIE DI RISONANZA MAGNETICA (RM):

Direzione: Via Velletri 10 Roma

Contattaci

Contattaci

800 300 100

Scrivici

Scrivici

info@artemisialab.it