Ecografie di screening down primo e secondo trimestre

Per concordare un appuntamento compilare il form
o contattare una delle sedi indicate

Descrizione

Ecografia di screening Down del primo trimestre

L’esame ecografico di screening down del primo trimestre si esegue a partire dalla fine dell’11^ alla fine della 14^ settimana di gravidanza. Il suddetto esame si basa sulla valutazione di alcuni parametri fetali:

  • la lunghezza del feto,
  • la translucenza nucale (la quale rappresenta lo spessore del sottocute dietro la nuca del feto che è più evidente e misurabile in questo periodo della gravidanza rispetto ad altri periodi),
  • la presenza dell’osso nasale del bambino
  • la frequenza cardiaca,
  • l’eventuale rigurgito di una valvola cardiaca detta tricuspide

I suddetti parametri combinati tra loro e all’età della mamma, permettono al ginecologo, mediante l’utilizzo di un software dedicato, di ottenere una stima del rischio della paziente. Questo verrà discusso con il ginecologo operatore per le alterazioni cromosomiche più importanti (quali: trisomia 21- S. Down, trisomia 13 e 18).

L’esame ecografico di screening down permette, quindi, di valutare statisticamente e di selezionare le pazienti con il rischio di alterazioni cromosomiche più alto (>1/250) alle quali consigliare, poi,  la diagnosi prenatale invasiva (amniocentesi o villocentesi).
L’esame ecografico del primo trimestre può essere abbinato ad un prelievo di sangue materno (BITEST). Quest’ultimo dosa due ormoni placentari (FreeBhCG e PAPPA) che possono essere alterati in caso di alterazioni cromosomiche. In tal caso la combinazione dei due esami (ecografico e biochimico) aumenta l’attendibilità del test statistico sino al 90%.

Ecografia di screening Down del secondo trimestre

L’esame ecografico di screening Down del secondo trimestre si esegue dalla fine dell’16^ alla fine della 19^ settimana di gravidanza. Permette attraverso la combinazione di alcuni parametri biometrici (spessore della plica nucale, diametro biparietale, lunghezza del femore e dell’omero, bacinetti renali) e morfologici del feto (intestino iperecogeno, focus iperecogeno intracardiaco, etc) con l’età materna di eseguire una stima statistica del rischio della paziente per la sindrome di Down.

Questo test ha una attendibilità del 70%.

Direzione: Via Velletri 10 Roma

Contattaci

Contattaci

800 300 100

Scrivici

Scrivici

info@artemisialab.it