Ecografia Pancreatica

Per concordare un appuntamento compilare il form
o contattare una delle sedi indicate

Descrizione

Cos’è l’ecografia pancreatica?

L’ecografia pancreatica è l’esame diagnostico non invasivo che consente di studiare la forma, le dimensioni ed il tessuto costitutivo del pancreas, i suoi dotti e le strutture vascolari connesse. Serve quindi principalmente a verificare se esiste una patologia a carico dell’organo.

Informazioni

Viene eseguita con gli ultrasuoni, vale a dire onde sonore ad alta frequenza innocue per il corpo umano e i suoi tessuti. Questa tecnica non è dannosa per il paziente perchè non lo espone a rischi e inoltre non è dolorosa.

Utilizza una sonda a media frequenza (3.5 e 5 MHz) che, posta a contatto della regione addominale superiore, in posizioni diverse, esplora il pancreas, i suoi dotti e le strutture vascolari circostanti.

Grazie a alla tecnica degli ultrasuoni l’ ecografia al pancreas, se necessario, può essere ripetuta anche più volte.

Inoltre, l’esame ha una durata breve (circa 15-20 minuti) e dopo averlo eseguito si possono riprendere con tranquillità le attività quotidiane.

L’esame necessita, per essere eseguito esclusivamente di 8 ore di digiuno (con le moderne apparecchiature a nostra disposizione non sono più necessari i giorni di dieta preliminare). In questo periodo può bere solo acqua liscia. Non è un esame fastidioso.

L’interporsi di meteorismo intestinale potrebbe determinare la non completa visualizzazione dell’organo. Tale limite è intrinseco alla metodica.

Perché la si fa e quali informazioni fornisce?

Serve per dimostrare con grande accuratezza e precisione la presenza di una patologia del pancreas. In particolare tale metodica permette di individuare la presenza di cisti, neoplasie ed infiammazioni acute e croniche (pancreatiti). Presenza di calcoli, dilatazioni e tumori delle vie biliari.

Come si svolge l’ecografia pancreatica?

Per effettuare l’ecografia pancreatica il paziente viene sdraiato e invitato dallo specialista ad assumere diverse posizioni, a seconda dell’area da esplorare.

Il medico radiologo applica una piccola quantità di gel sulla superficie cutanea e muove una sonda ecografica (in grado di produrre sezioni anatomiche fedeli delle strutture esaminate) sulla parte anatomica in esame.

 

Direzione: Via Velletri 10 Roma

Contattaci

Contattaci

800 300 100

Scrivici

Scrivici

info@artemisialab.it