Ecografia in gravidanza tridimensionale 3D e 4D

Preparazione: Nessuna preparazione richiesta

Come prenotare una visita
Per chiedere informazioni sul dove fare l’esame e concordare un appuntamento chiamare  800 300 100 o compilare il form

Descrizione

Informazioni

Ad oggi, l’ecografia in gravidanza tridimensionale è divenuto un esame di routine. Attraverso l’esecuzione del suddetto esame si ha la possibilità di vedere il bambino (tridimensionalmente), muoversi, il proprio corpo ed osservare le espressioni del suo corpo.

Presso i nostri centri diagnostici Artemisia Lab, grazie all’utilizzo di apparecchi all’avanguardia e di ultima generazione, con la sonda transvaginale 4D è possibile individuare e rilevare anomalie fetali ancora più precocemente. In questo modo è possibile accrescere notevolmente l’accuratezza diagnostica in esami ginecologici complessi.

Un’ecografia tridimensionale in movimento (quindi 3D e 4D dal vivo) permette di entrare in diretto contatto visivo con il bambino fino ad indovinarne persino le somiglianze.

L’ecografia in gravidanza tridimensionale è un’esame ecografico estremamente sofisticato. Di fatti, fino ad ora tutte le ricostruzioni tridimensionali che sono state fatte, erano fortemente limitate dal fatto che non potevano essere rilevate “in tempo reale”. Cosa che invece avviene adesso con i nuovi apparecchi.

Si trattava, per tutti gli apparecchi in commercio, di ricostruzioni elettroniche che comunque, anche nei più sofisticati modelli ancora in uso e commercializzati, non permettevano la visualizzazione diretta e continua del movimento del bambino.

Solo con le apparecchiature oggi a nostra disposizione questo fenomeno è divenuto possibile.

Si tratta di un esame innovativo. Non solo provoca forti reazioni di tipo emotivo per i genitori, ma presenta enormi vantaggi anche dal punto di vista diagnostico.

Ovviamente l’ecografia in gravidanza tridimensionale è un esame non obbligatorio. Si esegue su richiesta della paziente gestante. Tuttavia, talvolta il medico ginecologo curante lo ritenga necessario diviene fortemente consigliato.

E’ opportuno precisare, inoltre, che al fine di ottenere una buona visualizzazione delle immagini tridimensionali è necessario che il feto sia adeguatamente posizionato e che vi sia la presenza di una buona falda di liquido amniotico.

Quando effettuare l’ecografia tridimensionale

Il periodo migliore per l’ecografia tridimensionale è quello compreso fra le 23-24 e le 8-29 settimane di gestazione.

Direzione: Via Velletri 10 Roma

Contattaci

Contattaci

800 300 100

Scrivici

Scrivici

info@artemisialab.it