Ecocardiografia fetale – Ecografia in gravidanza

Preparazione: Nessuna preparazione richiesta. Si esegue a vescica vuota

Come prenotare una visita
Per chiedere informazioni sul dove fare l’esame e concordare un appuntamento chiamare  800 300 100 o compilare il form

Categorie: ,

Descrizione

Cos’è l’ecocardiografia fetale?

L’ecocardiografia fetale è un esame che consente di monitorare il cuore del bambino nel grembo materno.

Quando effettuarla?

Quest’indagine viene eseguita nel secondo trimestre di gravidanza ovvero tra la 22^ e la 25^settimana permettendo di individuare:

  • le malformazioni
  • patologie congenite a carico di cuore e  grandi vasi 

Informazioni sull’esame

Si esegue a vescica vuota, con una sonda addominale.

Si utilizza sempre un ecografo di altissima qualità, fornito inoltre di un doppler pulsato, un ecocolor doppler ed un energy color doppler.

Raramente, solo se il ginecologo che esegue l’esame lo ritiene necessario se la gravidanza e’ compresa tra la 13^ e la 16^ settimana , si utilizza una sonda transvaginale che richiederà tempi più lunghi di esecuzione.

L’esame presenta il suo maggiore valore diagnostico dopo la 22^ settimana di gestazione, fino alla 25^.

In casi particolari, ove esista un fondato sospetto di cardiopatia fetale, può essere eseguito anche prima, addirittura per via transvaginale. Il piu’ delle volte non deve essere ripetuto ma può richiedere un consulto con un cardiologo pediatra, ciò è assolutamente indicato se da questo esame emergesse una problematica malformativa complessa.

Si tratta della sola metodica, oggi disponibile, nel riconoscere cardiopatie fetali in utero.

Pur non potendosi riconoscere tutti i difetti cardiaci si è in grado di accertare la quasi totalità di quelli maggiori (le cosiddette cardiopatie “critiche”) e di suggerire all’equipe perinatologica il miglior metodo di assistenza.

L’esame assicura inoltre un buona mappatura anche di quelle “minori”, con i limiti dovuti alle piccole dimensioni di taluni difetti interventricolari. Questi però hanno uno scarso valore clinico.

L’esame è inoltre impiegato in aritmologia fetale per studiare i difetti di ritmo e conduzione, e monitorizzare l’eventuale comparsa di uno scompenso cardiaco in utero.

Per tale esame è richiesta la presenza del cardiologo pediatra esperto nella cardiologia fetale.

Per ulteriori Informazioni clicca qui

Direzione: Via Velletri 10 Roma

Contattaci

Contattaci

800 300 100

Scrivici

Scrivici

info@artemisialab.it