• Cerca

Aritmologia e valutazione dei Dispositivi di controllo del Ritmo Cardiaco

Presso la Sede Alessandria è attivo il servizio di Visite Aritmologiche e valutazione dei Dispositivi di controllo del Ritmo Cardiaco; nello specifico, possono essere  effettuati:  controllo di Pacemaker, di ICD (defibrillatori), di ICD e Pacemaker biventricolari, di Loop recorder.

I pazienti portatori di uno dei sopraelencati dispositivi che necessitano di controllo possono essere invitati presso il nostro centro previa prenotazione (al numero 06 42 100) e previa comunicazione della marca del dispositivo che è possibile dedurre dal tesserino europeo in possesso del paziente, sotto la voce generatore; di seguito l’elenco delle marche di dispositivi che è possibile controllare: Medtronic, Biotronik, Boston Scientific, Guidant, St Jude, Vitatron.

Potranno altresì essere visitati i  pazienti meritevoli di valutazione aritmologica al fine di meglio definire l’indicazione all’impianto di Pacemaker o ICD, oppure pazienti con storia di sospetta sincope cardiogena con indicazione ad impianto di Loop recorder.

Servizio del Dott. Leonardo Marinaccio

Diagnosi Prenatale – Amniocentesi / Villocentesi – Tel. 06 55185 – Zona EUR/Marconi

TUTTI GLI ESAMI DI CITOGENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE SONO ESEGUITI SECONDO LE DIRETTIVE DELLA SIGU (Società Italiana di Genetica Medica). Non si eseguono esami non riconosciuti dalla SIGU e dalla letteratura internazionale.

Amniocentesi / Villocentesi – Quale fare?  
Quali sono le indicazioni a sottoporsi ad un’amniocentesi? 
È affidabile?
Dove e in quale ambiente si esegue?
Come e quando si esegue l’amniocentesi 
È dolorosa?  È rischiosa?
Cosa avviene dopo l’amniocentesi? 
Quanto tempo è necessario per avere i risultati? 
È possibile ed utile eseguire altre indagini genetiche? 
L’analisi di Microarray CMA (Cromosomal Microarray Analisys) EASYCHIP
Cosa fare in caso di risultati patologici? 

AMNIOCENTESI / VILLOCENTESI TRADIZIONALE

  • Colloquio in sede con genetista prima di eseguire l’esame
  • Risposta a breve termine (entro 48 ore) mediante QF-PCR per trisomia 21, trisomia 18, trisomia 13, determinazione del sesso ed anomalie dei cromosomi sessuali
  • Cariotipo tradizionale con risposta entro 15-17 giorni
  • Dosaggio alfa-fetoproteina

 AMNIOCENTESI / VILLOCENTESI CON 5 SCREENING DEL DNA

  • Colloquio preliminare in sede con genetista prima di eseguire l’esame
  • Risposta a breve termine (entro 48 ore) mediante QF-PCR per trisomia 21, trisomia 18, trisomia 13, determinazione del sesso ed anomalie dei cromosomi sessuali
  • Cariotipo tradizionale con risposta entro 15-17 giorni
  • Dosaggio alfa-fetoproteina
  • Sono compresi inoltre i seguenti  5 test genetici di screening relativi ad alcune tra le più frequenti malattie monogeniche che si eseguono sul sangue dei genitori *

    1) Fibrosi Cistica (Frequenza portatori sani 1/30)
    2) Atrofia Muscolare Spinale (SMA) (Frequenza portatori sani 1/40-50)
    3) Distrofia Muscolare di Duchenne (DMD) (Frequenza portatori sani 1/2500-3000)
    4) Sindrome da X Fragile (gene FMR1)  (1 donna su 250 è portatrice sana della permutazione)
    5) Ipoacusia neurosensoriale della mutazione del gene GJB2 – GJB6  (Frequenza portatori sani 1/50)

* La diagnosi prenatale secondo la definizione qui adottata è riconosciuta dalla Società Italiana di Genetica Umana (SIGU) e dal Ministero della Salute (LG 2004) si differenzia nettamente dalla pratica del testing fetale (liquido amniotico), vale a dire l’analisi molecolare eseguita su DNA fetale estratto da amniociti e/o villi coriali, in assenza di indicazione specifica, eseguito presso altri centri. PRESSO IL NOSTRO CENTRO, I TEST DI SCREENING, QUANDO RICHIESTI, VERRANNO PER LE RAGIONI SOPRA ESPOSTE, EFFETTUATI SUI GENITORI     (DNA estratto da linfociti di sangue periferico) E SOLO SUCCESSIVAMENTE SE NECESSARIO, SUL MATERIALE FETALE GIA’ PRELEVATO PER L’ANALISI DEL CARIOTIPO FETALE, COSI’ COME INTERNAZIONALMENTE RACCOMANDATO.

AMNIOCENTESI / VILLOCENTESI CON MICROARRAY CMA (Cromosomal Microarray Analisys) EASYCHIP E 5 SCREENING DEL DNA

  • Colloquio preliminare in sede con genetista prima di eseguire l’esame
  • Risposta a breve termine (entro 48 ore) mediante QF-PCR per trisomia 21, trisomia 18, trisomia 13, determinazione del sesso ed anomalie dei cromosomi sessuali
  • Microarray CMA (Cromosomal Microparray Analisys – cariotipo molecolare)
  • Ulteriore conferma con cariotipo tradizionale con risposta in 15-17 giorni
  • Dosaggio alfa-fetoproteina
  • Sono compresi inoltre i seguenti  5 test genetici di screening relativi ad alcune tra le più frequenti malattie monogeniche che si eseguono sul sangue dei genitori * 

    1) Fibrosi Cistica (Frequenza portatori sani 1/30)
    2) Atrofia Muscolare Spinale (SMA) (Frequenza portatori sani 1/40-50)
    3) Distrofia Muscolare di Duchenne (DMD)         (Frequenza portatori sani 1/2500-3000)
    4) Sindrome da X Fragile (gene FMR1) (1 donna su 250 è portatrice sana della permutazione)
    5) Ipoacusia neurosensoriale della mutazione del gene GJB2 – GJB6 (Frequenza portatori sani 1/50)

* La diagnosi prenatale secondo la definizione qui adottata è riconosciuta dalla Società Italiana di Genetica Umana (SIGU) e dal Ministero della Salute (LG 2004) si differenzia nettamente dalla pratica del testing fetale (liquido amniotico), vale a dire l’analisi molecolare eseguita su DNA fetale estratto da amniociti e/o villi coriali, in assenza di indicazione specifica, eseguito presso altri centri. PRESSO IL NOSTRO CENTRO, I TEST DI SCREENING, QUANDO RICHIESTI, VERRANNO PER L ERAGIONI SOPRA ESPOSTE, EFFETTUATI SUI GENITORI     (DNA estratto da linfociti di sangue periferico) E SOLO SUCCESSIVAMENTE SE NECESSARIO, SUL MATERIALE FETALE GIA’ PRELEVATO PER L’ANALISI DEL CARIOTIPO FETALE, COSI’ COME INTERNAZIONALMENTE RACCOMANDATO.

 

Un esempio di cariotipo maschile normale

 

 

 

 

 

L’amniocentesi è una procedura che consente il prelievo per via trans addominale del liquido amniotico al fine di effettuare una diagnosi prenatale del cariotipo fetale cioè delle malattie cromosomiche del feto. Si esegue solo ed esclusivamente in sala operatoria così come imposto dalle Leggi vigenti.

Il periodo migliore per effettuare l’amniocentesi è tra la 16^ e la 18^ settimana di gravidanza. Nei tre mesi precedenti l’amniocentesi vanno effettuati i seguenti esami che devono essere portati in visione il giorno del prelievo:

Al fine di ridurre il seppur basso rischio di abortività legato all’amniocentesi si consiglia di effettuare una terapia antibiotica con eritrocina nei due giorni precedenti il prelievo e nel giorno dell’amniocentesi.

Nella nostra struttura l’amniocentesi, eseguita in idoneo ambiente sterile (ambulatorio chirurgico)  viene preceduta da un accurato studio ecografico del feto che ha lo scopo di confermare il numero e la vitalità dei feti, l’epoca gestazionale e di identificare eventuali alterazioni morfostrutturali del feto, dell’utero, della placenta e delle membrane amnio coriali.

Nel caso si volessero eseguire test aggiuntivi all’amniocentesi e/ alla villocentesi (Fibrosi Cistica, Distrofia Muscolare di Duchenne, Sordità Congenita, mutazione del gene FMR1 associata alla Sindrome da X-Fragile, SMA – Atrofia Muscolare Spinale-, etc.) il giorno dell’esame, presso il nostro centro è sempre presente, per un colloquio preliminare all’amniocentesi, un MEDICO GENETISTA a disposizione della paziente. Al Medico Genetista si potranno porre tutte le domande e nel caso evidenziare l’albero genealogico.

In idonea sala prelievi (ambulatorio chirurgico) e con procedura sterile )come prevista dalla normativa vigente per Legge), si procede quindi all’amniocentesi con tecnica eco guidata che si avvale di uno stativo rigido applicato alla sonda ecografica che consente la visualizzazione in tempo reale sull’ecografo della traiettoria dell’ago nella tasca di liquido amniotico prescelta,lontano dal corpo fetale.

Per il prelievo si utilizza un ago sottile (21 gauce) che comporta solo un lieve fastidio per la paziente. Vengono prelevati circa 18-20 cc di liquido amniotico.

Dopo il prelievo la paziente viene mantenuta a riposo sotto controllo clinico per circa 20 minuti, poi si procede ad un nuovo controllo ecografico per confermare la vitalità fetale, valutare il volume del liquido amniotico ed escludere la presenza di complicanze a livello placentare e delle membrane amnio coriali.

La paziente viene quindi dimessa con prescrizione di blanda terapia spasmolitica e con il consiglio di una vita riguardata evitando sforzi ed affaticamenti nei giorni successivi.

In caso di incompatibilità del sistema RH con madre Rh- e padre Rh+ viene effettuata una profilassi con immunoglobuline anti D.

Circoncisione Maschile

La circoncisione è un intervento chirurgico che consiste nell’asportazione del prepuzio del pene, la parte anatomica che riveste il glande. E’ un intervento di chirurgia ambulatoriale può essere eseguito in anestesia locale e/o sedazione profonda ( per i piccoli Pazienti è consigliata la sedazione). Dopo le incisioni e la eliminazione del prepuzio viene eseguita una sutura con fili chirurgici riassorbibili.
Dopo l’intervento il Paziente ha una ripresa immediata. Non essendo eseguita l’ anestesia generale, si potrà tornare a casa dopo 2 ore dalla fine dell’intervento. Se è stata eseguita anche una sedazione, Il Paziente dovrà essere accompagnato sino allo smaltimento dell’effetto del sedativo che provoca una sensazione di lieve ebbrezza. La formazione di gonfiore è normale e lo stesso viene riassorbito naturalmente nei giorni seguenti. Il giorno dopo l’utente sarà perfettamente capace di eseguire le normali attività sociali e lavorative purché non siano troppo faticose. L’ unico disagio è collegato alla “nuova sensazione” del glande con le mutande. Il disagio tende a scomparire nei giorni successivi dopo che la mucosa del glande diventa meno sensibile grazie all’ispessimento della stessa. Dopo una settimana il Paziente può riprendere le normali attività sportive purché non siano “estreme”. In questo caso è meglio aspettare almeno un’ altra settimana.
Dopo 30 giorni è possibile riprendere i rapporti intimi. L’ attesa di questo lasso di tempo ha la finalità di evitare una trazione meccanica sulla cicatrice in fase di stabilizzazione. La trazione su qualunque cicatrice “fresca” tende ad allargarla e renderla più evidente.
La circoncisione rituale è un obbligo religioso per gli ebrei ed i musulmani. Gli ebrei la devono fare all’ottavo giorno di vita, mentre per i musulmani può essere effettuata anche a distanza di anni (l’età varia a seconda dei paesi) e prevista anche nella Chiesa copta e quella ortodossa etiope. Il concetto della circoncisione del figlio minore pone diverse problematiche, in relazione all’aspetto non preminentemente curativo.
In effetti il Comitato Nazionale di Bioetica (25 settembre 1998) ha dichiarato che ”la circoncisione rituale maschile appare in sé pienamente compatibile con il disposto dell’art. 19 della Costituzione Italiana”.
I vantaggi della circoncisione sono molteplici e vanno dalla riduzione dell’incidenza di carcinoma del pene in età adulta, miglioramento dell’igiene e quindi prevenzione contro infezioni:L’OMS e il Programma delle Nazioni Unite per l’AIDS/HIV (UNAIDS) affermano che la circoncisione maschile sia un intervento efficace per la prevenzione dell’HIV.

Dott.Naim Nasrollah

specialista in Chirurgia Generale
presso la Sede Studio Lancisi

Ortopanoramica 3D con il Nuovo Ortopantografo Digitale (anche Pediatrico a Basso Dosaggio)

IL CENTRO EUR MARCONI SI E’ DOTATO DEL NUOVO ORTOPANTOMOGRAFO DIGITALE 3D

 ALTISSIMA QUALITA’ DI IMMAGINE CON UNA BASSA DOSE

 

– Panoramica (a basso dosaggio)
– Panoramica (a basso dosaggio) pediatrica
– Panoramica tradizionale
– Imaging cefalometrico digitale
– Doppio volume
– Cone Beam3D
– CEPH

Sistema di imaging dentale di altà qualità con programmi di imaging 3D completi di panoramico, unità cefalometrica e fascio conico.

Grazie alla sua versatilità gli studi dentistici hanno a disposizione uno dei sistemi di imaging più dinamici disponibili per rispondere alle loro esigenze.

Consente agli studi dentistici di eseguire in modo eccellente un’accurata attività diagnostica, la pianificazione del trattamento e la preparazione di operazioni chirurgiche.

Grazie a 2 campi visivi selezionabili e 4 selezioni di risoluzione, combina accuratezza diagnostica, imaging rapido e BASSA DOSE DI ESPOSIZIONE e un POST OPERATORIO MENO INVASIVO.

 

Le aree di applicazione di imaging di Cranex 3D sono:

– Pianificazione impianto

– Denti del giudizio – Terzi molari

– ATM

– Seno mascellari

– Anomalie Anatomiche

– Carie

 

TRATTAMENTO PEDIATRICO

La panoramica per bambini presenta una più BASSA ESPOSIZIONE A RADIAZIONI il che RIDUCE  anche la DOSE DI RADIAZIONI per il paziente.

Il trattamento ortodontico stabilisce denati standard per l’imaging panoramico e cefalometrico. Allo stesso tempo, va considerata la sensibilità dei bambini alle radiazioni. Il nostro ortopantomografo digitale 3D fornisce le migliori performance ed una qualità superiore delle immagini grazie alla regolazione automatica dei tessuti molli nel trattamento ortodontico.

Diabetologia

Presso le nostre strutture è presente l’attività per la prevenzione, diagnosi e cura della Malattia Diabetica nell’assoluto rispetto della privacy.

Oltre la Visita Specialistica Diabetologica e tutti gli esami diagnostici e strumentali utili è stato organizzato un Pacchetto Assistenziale Complesso che copre le esigenze mediche della persona con Diabete anche per lo studio e la prevenzione delle complicanze legate alla malattia.

In una sola mattinata la persona con Diabete potrà eseguire le analisi di laboratorio complete, la visita oculistica, la visita angiologica, la visita cardiologica, l’ecocolor doppler dei vasi epatici e dei vasi degli atri inferiori, l’elettrocardiogramma.

La visita Diabetologica finale si concluderà con una relazione tecnica che si avvarrà di tutte le refertazioni degli esami eseguiti nelle ore precedenti.

Con la professionalità e l’efficacia della nostra assistenza sarà più facile curarsi e creare un rapporto di collaborazione attiva con la Sede della visita.

L’Artemisia Lab sarà sempre con voi nel rispetto della Sua tradizione.

La diabetologia potrà seguire inoltre le donne in gravidanza per la prevenzione e la diagnosi della malattia diabetica e, sopratutto per loro, è previsto un monitoraggio continuo della glicemia (Holter Glicemico) che ha un valore clinico molto più elevato delle curve da carico orale del glucosio.
Naturalmente lo stesso esame servirà per eseguire al meglio la terapia delle persone affette da diabete.

Tricologia

La Visita Tricologica consiste in una visita specialistica dermatologica durante la quale vengono generalmente effettuate alcune semplici manovre come il pull test (per una valutazione quali-quantitativa della caduta dei capelli), il test di sfregamento/trazione (per evidenziare un eventuale aumento di fragilità del fusto dei capelli), il test del cartonfeltro (per ispezionare in modo adeguato il fusto del pelo).
Durante i 4-5 giorni precedenti la visita, i pazienti non dovrebbero sottoporre i capelli ad alcun trattamento di tipo cosmetologico (compresa la detersione).
– Hillmann K. et Al. Diagnosis of Hair Disorders. Semin Cutan Med Surg 2009; 28:33-38

Videodermatoscopia
Tecnica non invasiva, di semplice esecuzione, che permette di valutare i capelli ed il cuoio capelluto utilizzando differenti ingrandimenti. Con questa metodica è possibile evidenziare, più facilmente che a occhio nudo, modificazioni del diametro dei capelli, eventuali alterazioni del fusto o alcuni segni a livello del cuoio capelluto che non sarebbero altrimenti visibili con il semplice esame clinico.
– Ross EK et Al. Videodermoscopy in the evaluation of hair and scalp disorders. J Am Acad Dermatol. 2006 Nov;55(5):799-806.

Tricogramma
Tecnica seminvasiva, introdotta da Van Scott nel 1957 e successivamente perfezionata da Baman nel 1965 che permette di quantificare e caratterizzare l’effluvium (anagen/telogen).
Consiste nello strappare delle ciocche di capelli da varie zone del cuoio capelluto per un totale di circa 60-100 capelli e nell’osservarne le radici ad un microscopio ottico.
– Van Scott EJ et Al. The growing hair roots of the human scalp and morphologic changes thereinfollowing amethopterin therapy.J Invest Dermatol 1957; 29:197-204.
– Barman JM et Al. The normal trichogram of the adult. J Invest Dermatol 1965; 44:233-236

Esame del fusto del capello
Alcuni capelli vengono tagliati in corrispondenza del punto di emergenza dal cuoio capelluto ed esaminati al microscopio ottico, al fine di evidenziare anomalie strutturali prossimali o distali, associate o meno a un aumento della fragilità.
– Whiting D.A. Hair shaft defects. In: Olsen E.A. Disorders of hair growth. Diagnosis andtreatment. 1994, McGraw-Hill: 91-137.

Biopsia incisionale con esame istologico
E’ una tecnica invasiva che viene effettuata in casi selezionati per formulare una diagnosi (soprattutto laddove si sospetti un’alopecia cicatriziale primitiva). Dopo infiltrazione di un anestetico locale, vengono prelevati uno o due frammenti di cute utilizzando un bisturi circolare (“punch biopsy”) di circa 4 mm di diametro. Vengono applicati dei punti di sutura che dovranno essere rimossi dopo circa 10-15 giorni. L’esame istologico verrà effettuato seguendo le linee guida internazionali (sezioni verticali e orizzontali).
– Otberg N et Al. Diagnosis and management of primary cicatricial alopecia: part I. Skinmed. 2008 Jan-
Feb;7(1):19-26.

Agopuntura

L’Agopuntura è un sistema medico, riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sviluppatosi in Oriente 2500 anni fa.
L’agopuntura previene e cura le malattie come la medicina occidentale, partendo però da un altro punto di vista. Essa valuta il sintomo come la manifestazione di un disequilibrio pre-esistente.

Lo stato di salute dell’individuo è dovuto all’armonico fluire dell’energia vitale (Qi) nel sistema dei 12 meridiani, canali sui quali sono posti 360 punti, ognuno con una propria funzione. Questi punti non sono visibili ad occhio nudo, ma sono dimostrabili come aree dove è presente una diminuzione della resistenza elettrica e sui quali è possibile intervenire. Quando insorge un blocco dovuto a cause interne o esterne a noi, il Qi non scorre correttamente e la malattia si manifesta.

Alcuni trattamenti:

  • Dolori al ginocchio & spalla
  • Lombalgia, dolori cervicali, sciatica
  • Tendinosi, infiammazioni
  • Contratture muscolari
  • Nausea & vomito
  • Artrite
  • Distorsioni
  • Epicondilite
  • Mal di testa cronico & sinusite
  • Mal di denti
  • Riniti allergiche
  • Insonnia
  • Depressione
  • Terapia antifuno

Pratica dello Yoga

La pratica dello Yoga comporta immediati benefici sia a livello fisico che psico-fisico.

La corretta pratica delle asana (posizioni) , ad esempio, impegna sia il nostro corpo che la nostra mente, rendendoci, da subito, più tonici, elastici ed anche concentrati ed equilibrati. Il controllo del respiro (pranayama) ci consente di regolare il nostro sistema metabolico e linfatico ed allo stesso tempo ci aiuta a controllare la mente, liberandoci da stati di stress e di ansia.

Praticare Yoga contribuisce a mantenere il corpo in forma e a scaricare lo stress sia fisico sia mentale, allenando la mente ed il corpo ad essere forti e flessibili di fronte alle difficoltà e ai cambiamenti.

Le tecniche aiutano a:

  • migliorare la circolazione sanguigna e linfatica
  • riequilibrare il sistema ghiandolare
  • rafforzare il sistema immunitario e il sistema nervoso
  • espandere la propria consapevolezza
  • migliore capacità di concentrazione
  • fiducia in se stessi
  • maggiore autocontrollo


Il corso è rivolto a tutte le età.

Epiluminescenza

COSA E’ L’EPILUMINESCENZA ?

E’ una tecnica NON INVASIVA, diagnostica innovativa, che permette di riconoscere preventivamente il Melanoma e i Tumori della pelle.

COME FUNZIONA ?
Attraverso il dermatoscopio, che è una lente d’ingrandimento collegata ad un computer, possiamo analizzare la struttura interna e le particolarità esterne dei nevi e le lesioni cutanee. Le immagini rimangono nella memoria del computer per controlli successivi nel tempo, la memoria ci permette di confrontare l’immagine quando il paziente ritorna per il controllo. Tali immagini saranno anche consegnate ai pazienti per diversi motivi, il primo e per poter anche controllare a occhio a casa se un nevo può cambiare bruscamente di morfologia o colore e il secondo motivo è per permettere al paziente di poter cambiare città o medico e avere sempre con se il referto.

QUANDO FARE UNA MAPPA DEI NEVI ?
Quando qualcuno ha avuto in famiglia un Melanoma, in caso di fototipi chiari, quando ci sono diversi nevi, quando si è preso molto sole e scottature, quando ci sono dei nevi in regioni sottomesse a traumatismi come i piedi, le mani, sotto il reggiseno, la cintura dei pantaloni ecc.
Quando un nevo cambia di forma, colore e dimensioni e di fronte a un minimo dubbio che un nevo sia cambiato!!

OGNI QUANTO BISOGNA FARLO?
Di solito il controllo viene dato una volta l’ anno ma questa è una decisione presa dal dermatologo con ogni paziente.

Dott.ssa Nuria Pizarro

Psicologia – Psicologia Clinica dell’Infanzia Adolescenza e Famiglia

Mission

L’impegno dell’U.O.P.C. Unità operativa di Psicologia Clinica dell’Infanzia, adolescenza e famiglia si ispira al quadro generale di riferimento per la programmazione e l’erogazione degli interventi a favore della qualità di vita dei bambini, degli adolescenti e delle loro famiglie, costituito dai principi essenziali stabiliti dalla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

L’U.O.P.C. Unità Operativa di Psicologia Clinica dell’infanzia, adolescenza e famiglia si occupa del disagio psicologico, affettivo e relazionale, delle difficoltà del linguaggio, dello sviluppo cognitivo, dell’apprendimento e delle disabilità d’origine psicologica, neurologica e/o genetica secondo una metodologia cognitivo-comportamentale. Si tratta di una struttura operativa interdisciplinare che si rivolge ai pazienti dal momento della nascita in poi

L’U.O.P.C. Unità operativa di Psicologia Clinica dell’Infanzia, adolescenza e famiglia svolge consulenza alla scuola per tutto l’arco dell’età evolutiva, garantendo la presa in carico della persona fino al termine del percorso scolastico formativo. L’U.O.P.C offre, inoltre, un servizio alle famiglie e alle donne in gravidanza e post partum.

Il Servizio

L’U.O.P.C. è un servizio specialistico di tutela del minore deputato alla prevenzione, diagnosi, cura, riabilitazione delle patologie psicologiche, neurologiche, cognitive, nonchè sostegno psicologico del singolo, della coppia e della famiglia. Offre:

  • valutazione diagnostica di tipo psicologico (consulenza psicodiagnostica)
  • colloquio psicologico clinico
  • consulenza psicologica e/o psicoterapeutica
  • presa in carico
  • interventi riabilitativi e/o di supporto psicologico (individuali e/o familiari):
  • per bambini da 0-5 anni
  • per bambini da 6-12 anni
  • per adolescenti da 13 anni in poi
  • per genitori
  • per donne in gravidanza e post partum
  • centro per le famiglie e interventi di mediazione familiare (partenership con lo Studio Maccaroni AMMEF Avvocati Matrimonialisti e per le famiglie di fatto)
  • interventi di sostegno psico-socio-educativo per genitori (Parent Training e VFIP)
  • servizio di prevenzione ed intervento per donne in gravidanza e immediatamente dopo il parto con interventi di sostegno alla genitorialità
  • interventi di sensibilizzazione, formazione per le scuole e consulenza individuale o di gruppo per insegnanti ed educatori
  • attività di ricerca e prevenzione su disabilità (DSA disturbi specifici dell’apprendimento, ADHD disattenzione e iperattivà, Autismo e DPS disturbi pervasivi dello sviluppo, ecc …), su disturbi d’ansia, problematiche comportamentali, relazionali ed affettive, altro …) con metodologia cognitivo-comportamentale e techiche ABA.

 

A cura della
Dott.ssa Michela Colarieti
Psicologa Dinamico Clinica dell’infanzia adolescenza e famiglia